L’assessment terapeutico

L’assessment terapeutico è una procedura diagnostica e psicoterapeutica che si avvale di colloqui clinici e della somministrazione di test psicologici (ad esempio, MMPI-2 e Rorschach). La metodica è stata formulata e messa al vaglio della verifica scientifica da Stephen Finn (Università Austin,Texas, USA)e dal suo gruppo a partire dai primi anni novanta del novecento. Il percorso si snoda su un numero contenuto di sedute (in genere non superiore a 5-10); il terapeuta-psicodiagnosta deve aver svolto un training specifico e possedere un insieme di competenze di alto livello che gli consentano di entrare rapidamente in un profondo contatto empatico con l’esperienza del paziente, identificare con lui/lei i dilemmi e gli interrogativi rimasti in sospeso sulla sua vita e la sua personalità, somministrare dei test psicologici (scelti in base ai problemi del paziente e alle domande concordate), in un modo che non risulti intrusivo o innaturale.Le sedute successive sono dedicate alla presentazione dei risultati dei test, con una focalizzazione su come essi possano risultare utili a risolvere i quesiti concordati nella prima parte della valutazione. Inoltre, in una o più sedute denominate “sedute-intervento” vengono impiegate metodiche finalizzate ad attivare dal vivo i comportamenti problematici e le emozioni con cui il paziente non è normalmente in contatto per ricercare insieme soluzioni alternative e strategie adattive più consapevoli ed efficaci. Al termine del percorso viene inviata al paziente una lettera che descrive, con un linguaggio non gergale, vivo e in prima persona, l’esperienza dell’assessment svolta assieme al paziente, i risultati e le possibili vie d’uscita a dilemmi, limitazioni, comportamenti problematici e stati emotivi normalmente dissociati o mal gestiti. Si effettua a distanza di pochi mesi una seduta di follow-up per ridiscutere l’esperienza e valutare quali siano stati i risultati della valutazione. L’assessment terapeutico viene spesso affiancato a una normale psicoterapia e vi si fa ricorso, su invio diretto dello stesso terapeuta, quando il trattamento sia in un periodo d’impasse o quando non siano del tutto chiari il significato e le motivazioni alla base di alcune difficoltà psicologiche irrisolte.

Per maggiori informazioni: http://www.therapeuticassessment.com

Informazioni su smartellotti

psicoterapeuta medico psichiatra V
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...